Indennità di degenza ospedaliera collaboratori

DEGENZA OSPEDALIERA

Gli artt. 30, 31 e 32 del Regolamento di Previdenza e Assistenza della Gestione Separata ENPAPI dispongono che sono ammessi a fruire delle indennità di degenza ospedaliera gli Iscritti che, all’atto della domanda, siano titolari di rapporti di collaborazione in corso di svolgimento e che siano in possesso dei seguenti requisiti:
• risultare titolare di tre mensilità di contribuzione versata nelle casse della scrivente Gestione previdenziale nei dodici mesi precedenti la data di inizio dell’evento;
• non godere di un reddito individuale superiore, nell’anno solare precedente l’evento, al 70% del massimale contributivo di cui all’art. 2, comma 18, L. 335/1995.

Sono indennizzati:
• tutte le giornate di ricovero presso strutture ospedaliere pubbliche o private convenzionate con il Servizio Sanitario Nazionale;
• i periodi di ricovero presso strutture ospedaliere estere, purché le relative degenze siano autorizzate o riconosciute a proprio carico dal Sistema Sanitario Nazionale;
• le prestazioni in regime di day hospital (poiché sono equiparate a giornate di ricovero);
• le ospitalità notturne nei Centri di Igiene Mentale, poiché equiparate al day hospital e, pertanto, riconducibili a giornate di ricovero.

L’indennità è erogata per ogni giornata di ricovero, comprese quella di dimissione e le festività e per un periodo massimo di 180 giorni nell’anno solare, su domanda dell’interessato.

La domanda di indennità di degenza ospedaliera deve essere redatta sull’apposito modulo ed inviata – entro un anno dalla fine del periodo indennizzabile – a mezzo PEC, ovvero raccomandata A/R, unitamente:
• al certificato di degenza ospedaliera e, in caso di ricovero all’estero, copia della preventiva autorizzazione o del rimborso effettuato da parte del Servizio Sanitario Nazionale;
• copia di un documento di identità in corso di validità.

L’importo dell’indennità di degenza ospedaliera è pari ad una frazione del massimale contributivo dell’anno dell’evento diviso per 365 giorni secondo percentuali che variano in base alle mensilità contributive accreditate nei 12 mesi precedenti la data dell’evento (data di decorrenza della degenza ospedaliera).